progetti per le scuole

L’acqua raccontata

Il progetto nasce dalla necessità sempre più crescente di preservare questo bene comune dal rischio di esaurimento e dall’inquinamento. Il nostro obiettivo principale   è quello di sensibilizzare ed educare i giovani al rispetto e alla tutela dell’essenza della nostra vita: l’acqua.

Obiettivi specifici del progetto:

I percorsi creativi e formativi che abbiamo strutturato per i giovani serviranno a sollecitare la loro sensibilità nei confronti di questa tematica. Saranno affidati ruoli e attività identitarie, che daranno la possibilità di sviluppare azioni concrete nel contrasto allo spreco, all’inquinamento e all’esaurimento di questa risorsa. Riportare una visione dell’acqua come fonte di vita, di benessere e di bellezza senza la quale non sarebbe possibile la sopravvivenza del nostro pianeta.

L’Associazione “Progetto Donna”, in collaborazione con le altre su descritte,

propone di affidare agli studenti il ruolo di comunicatori rispetto a questo argomento di  valore universale.

L’acqua dovrà essere interpretata, comunicata e raccontata in modo creativo e condiviso attraverso elaborati di gruppo come: un testo giornalistico, letterario o poetico, un reportage fotografico, un breve video, un dipinto a più mani, oppure altri mezzi espressivi individuati dalla classe.

La struttura del progetto riprende il concorso Nazionale ed Internazionale della raccolta di elaborati sul tema dell’acqua, gestita da Identità Terra con il progetto “ De Rerum Aqua”.

Nella versione pensata per le scuole, gli studenti diventeranno attori e creatori delle esperienze con modalità, suggerimenti, assistenza e visite curate dalla nostra organizzazione.

Le attività previste ripercorrono il seguente schema:

1) Incontro di presentazione: le singole classi saranno orientate in un incontro preliminare da un nostro esperto di comunicazione che individuerà il mezzo espressivo con cui lavorare;

  • Uscite didattiche: gli studenti saranno accompagnati in una visita guidata di una giornata nei luoghi scelti dall’organizzazione con lo scopo di documentare, descrivere, fotografare, riprendere tutti gli elementi, le realtà e le espressioni relative all’acqua;
  • Raccolta degli elaborati: a seguito del percorso di documentazione, gli studenti presenteranno un lavoro finale in forma di testo, foto, video o manufatto, redatto e composto dalla classe stessa;
  • Esposizione degli elaborati: i lavori finali parteciperanno ad una esposizione finale, curata dalla scuola di appartenenza, con la valutazione fatta da un’ apposita giuria di ragazzi, che premierà la migliore “comunicazione” relativa all’acqua;
  • Conclusione del progetto: al temine dell’anno scolastico, l’organizzazione programmerà una manifestazione finale con tutti i lavori premiati dalle scuole e gli stessi saranno valutati da tutti i visitatori dell’esposizione.

La classe vincitrice avrà in premio una escursione turistica di un giorno.

Strutturazione del progetto:

  • Attività di ideazione, informazione e partecipazione degli alunni, mirata a descrivere e promuovere beni naturali e patrimonio storico, culturale della Regione Umbria;
  • Laboratori di attività giornalistica, letteraria, fotografica, pittorica e video sul tema dell’acqua come patrimonio generale e bene comune universale da tutelare;
  • Ideazione e costruzione di elaborati, che comunichino in forma giornalistica, le impressioni ed i messaggi elaborati in classe;
  • Visite – sopralluoghi nei luoghi da descrivere e documentare;
  • Visite contestuali nel circondario per comprendere, descrivere e documentare le relazioni utili ad una più completa proposta comunicativa.

 

Destinatari del Progetto:

  • Scuole Primarie e Medie Inferiori della Regione Umbria
  • Scuole Primarie e Medie Inferiori delle Regioni Confinanti con l’Umbria
  • gemellaggio o scambio culturale tra scuole

 

Tempi e modalità di svolgimento: calendario delle attività

Il progetto avrà inizio a partire dal mese di Gennaio 2020 e prevede tre incontri. Il tempo complessivo stimato e richiesto ad ogni singola classe per la partecipazione è di circa 3 ore per la preparazione, 1 giornata per la visita e disponibilità libera per la manifestazione scolastica finale.

Le presentazioni saranno svolte tra Gennaio e Febbraio in data da concordare con la scuola. Le visite saranno programmate in accordo con le scuole e gli insegnanti, preferibilmente nei primi giorni della settimana. La Manifestazione conclusiva della scuola seguirà di almeno 20 giorni dalla presentazione degli elaborati.

  • incontro di presentazione della durata di circa 3 ore e condotta da nostri esperti in tandem con gli insegnanti della classe;
  • visita di documentazione di un’intera giornata;
  • manifestazione finale: entro il mese di Maggio 2020 sarà comunicata la data e il luogo della manifestazione finale, con l’esposizione e la valutazione di tutti gli elaborati vincitori.

Nella tabella in calce saranno indicate le scuole appartenenti ad un territorio circoscritto, con il calendario delle presentazioni, delle visite e con le scadenze di presentazione.

Le comunicazioni e la visibilità degli elaborati, durante l’anno scolastico, sarà curata dalle associazioni, in modo da rendere visibile tutto il materiale sui social media, giornali, testate locali, web tv, radio e siti specializzati.

L’evento conclusivo sarà a partecipazione libera e sarà svolto, possibilmente, di Domenica o giorno festivo.

 

Ambito territoriale

Come descritto nelle attività di promozione sul tema dell’acqua e visto lo scopo di “ raccontare” luoghi e storie con modalità giornalistica o descrittiva, si è scelto di assegnare ad ogni scuola un corrispondete territorio regionale su cui lavorare.

Ne deriva che ogni classe lavorerà su un territorio diverso cercando di raccontarlo con la sensibilità del visitatore e di chi va alla scoperta del vicino.

Abbiamo individuato questi territori:

Città di Castello, Gubbio, Perugia, Assisi, Foligno, Cascia, Spoleto, Todi, Orvieto, Amelia, Terni, Lago Trasimeno.

 

Luoghi e  Programma delle Visite e delle Attività

 

Le scuole della zona di Città di Castello potranno visitare:

  • mattino: San Feliciano con visita del Museo della Pesca a, del Lago Trasimeno e della Chiesa  Madonna dell’Oliveto a Passignano sul Trasimeno;
  • pomeriggio: Passignano sul Trasimeno, imbarco per Isola Maggiore, con particolare attenzione al rapporto tra San Francesco e sorella Acqua, nel posto dove restano le sue impronte;

Le scuole di zona Gubbio potranno visitare:

  • mattino: Todi sotterranea con le cisterne romane e le gallerie della Fabbrica della Piana
  • pomeriggio: Bevagna con la visita alle antiche fabbriche e i mullini ad acqua

Le scuole di Assisi potranno visitare:

  • mattino: Narni con la visita all’antico Porto Romano di Stifone sul fiume Nera
  • pomeriggio: Amelia con la visita della sorgente di San Francesco e Acquasparta con la visita della città

Le scuole di zona Perugia potranno visitare:

  • mattino: Norcia con la visita della città e faremmo un sopralluogo sul punto dove e riemerso il fiume Torbidone in seguito all’ultimo terremoto;
  • pomeriggio: Cascia con la visita della Basilica di Santa Rita e Lo Scoglio di Roccaporena dove esiste una sorgente di acqua in cui i fedeli di Santa Rita raccolgono l’acqua santa

Le scuole di Spoleto potranno visitare:

  • mattino: la visita della Diga di Corbara, del paese e Il Porto romano di Paliano;
  • pomeriggio: Orvieto con la visita della città storica e Orvieto sotterranea con la scoperta delle cisterne etrusche

Le scuole di Foligno potranno visitare:

  • mattino: Lago di Piediluco con visita al centro di canottaggio del Coni e visita delle cascate delle Marmore
  • pomeriggio: Terni con visita del fiume Nera, il ponte romano e centro della città

 

Le scuole di zona Lago Trasimeno potranno visitare:

  • mattino: Città di Castello con visita delle Terme di Fontecchio, centro storico della città;
  • pomeriggio: Lago di Montedoglio con la visita della diga

Le scuole di zona Todi potranno visitare:

–    mattino: Gubbio con la visita del centro storico e della Fontana del Bargello;

  • pomeriggio: Nocera Umbra e Gualdo Tadino con visita ad un stabilimento di imbottigliamento dell’acqua

Le scuole di zona Narni – Amelia potranno visitare:

  • mattino: Assisi con la visita della Cattedrale di San Rufino e delle cisterne romane
  • pomeriggio: Fonti del Clitunno

Le scuole di zona Norcia – Cascia potranno visitare:

  • mattino: Perugia con la visita della Fontana Maggiore e del Pozzo Etrusco;
  • pomeriggio: visita all’Ipogeo dei Volumni, la famiglia che governava la navigazione sul Tevere;

Le scuole di zona Orvieto potranno visitare:

  • mattino: Spoleto visita della città, del Ponte delle Torri (acquedotto) e del fortilizio dei mulini;
  • pomeriggio: Vallo di Nera con la visita allo stabilimento di allevamento delle trote;

Le scuole di zona Terni potranno visitare:

  • mattino: Foligno con la visita del centro città e dei canali di scorrimento del fiume Topino;
  • pomeriggio: Rasiglia con la visita delle fonti e le fabbriche di tessuti

 

Attraverso questo progetto riusciremo a sensibilizzare le giovani generazioni sul tema della difesa dell’ambiente, del futuro del Pianeta Terra e del rapporto tra l’uomo e l’ambiente circostante.

Grazie alla nuova coscienza sul rispetto della natura e dell’ecosistema sarà possibile  creare nuovi presupposti per permettere la sopravvivenza della vita sul pianeta. Gli studenti diventeranno quegli adulti in grado di prendere le decisioni giuste per   governare e tutelare questo bene comune.

Il programma può subire variazioni non dipendenti dalla responsabilità di Identità Terra tour operator ed organizzazione eventi.

Alla programmazione che trovate nella scheda in calce, possono essere applicate variazioni su richiesta almeno con 20 giorni d’anticipo.

Uscite Didattiche

Uscita didattica a Uppsala

La Svezia ed i Paesi Nordici sono esempi di un diverso approccio formativo e di mantenimento agli studi. Si faccia riferimento, ad esempio, al fatto che non si pagano tasse universitarie… Particolare attenzione va posta in alcune materie di studio sviluppate da...